Sostegno dell’Autorità cinese per il copyright alla CISAC nella protezione dei diritti degli autori

Il direttore generale della CISAC (la Confederazione Internazionale delle Società di Autori e Compositori) Oliver Hinnewinkel e il direttore regionale per l’Asia-Pacifico, Benjamin Ng, la scorsa settimana hanno incontrato a Pechino i vertici del NCAC (National Copyright Administration of China) per presentare l’organizzazione e i suoi programmi specifici nel Paese asiatico a favore degli autori. “La vastità della Cina e i suoi tassi di crescita impressionanti ne fanno un mercato chiave per gli autori sia a livello globale che locale, per cui è essenziale che i loro diritti siano riconosciuti – ha dichiarato Hinnewinkel – Il NCAC è un partner vitale per la CISAC per raggiungere questo risultato e noi apprezziamo molto il loro supporto”.
La CISAC ha presentato il suo progetto di trasferire il quartier generale in Asia-Pacifico da Singapore a Pechino, con una mossa che rafforza l’impegno dell’organizzazione a guidare la protezione dei diritti d’autore nell’area. Il viceministro cinese Xiaohong Yan ha accolto con favore la decisione e si è impegnato a sostenere l’avvio di questa nuova sede.
Si è discusso anche della revisione della legge cinese sul copyright e una particolare attenzione è stata dedicata agli articoli sulla gestione collettiva dei diritti. Hinnewinkel ha fatto degli esempi sui pro e i contro che derivano dall’avere una sola o più società di gestione collettiva dei diritti in ciascun Paese, fornendo utili parametri di riferimento a livello mondiale ai rappresentanti del NCAC.
Fonte: www.siae.it

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.