RIAA nuovamente all’attacco

L’associazione che agisce in rappresentanza dei discografici statunitensi ha intentato 80 nuove cause contro altrettanti “file-swappers”.
All’inizio del mese infatti RIAA aveva notificato ben 204 lettere di citazione.
124 delle persone che hanno ricevuto le lettere hanno optato per un accordo stragiudiziale per evitare l’azione legale, mentre le rimanenti 80 hanno deciso di scontrarsi con la potente associazione nelle aule dei tribunali.
Allo stato RIAA ha risolto con esito positivo 156 delle 361 cause in atto anche se non è dato sapere l’ammontare delle somme di denaro percepite a titolo di risarcimento.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.