RIAA fornisce i nuovi dati relativi alla prima metà del 2003

Recording Industry Association of America (RIAA) ha comunicato i dati relativi alla distribuzione di prodotti musicali al dettaglio per i primi sei mesi del 2003.
Il dato rilevato evidenzia un calo del 10% originato, secondo RIAA, dal proliferare della pirateria in Rete e dalla pratica della riproduzione illegale dei CD.
Rispetto allo stesso periodo del 2002 in termini di denaro la perdita è aumentata del 9%.
Cary Sherman, Presidente di RIAA, ha aggiunto che il fenomeno della pirateria realizzato attraverso le reti P2P mette in serio pericolo anche il tentativo delle case discografiche di venire incontro ai desideri del pubblico distribuendo la musica online.
Secondo quanto affermato da PricewaterhouseCoopers LLP, la diminuzione nella distribuzione dei CD nell’area retail è pari al 10W%, ma se si tiene conto del mercato diretto e dei canali speciali la diminuzione supera il 15%.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.