Rapporto del Dipartimento di Giustizia sull’attività criminale nel settore della PI

Il Dipartimento di Giustizia americano ha pubblicato un rapporto sulle proprie attività nel settore della difesa della Proprietà Intellettuale (diritto d’autore, marchi, brevetti, segreto industriale).
Per quanto riguarda i cosidetti “cybercrime”, il Dipartimento ha messo al lavoro oltre 230 avvocati specializzati, di cui la maggior parte assegnate alle unità CHIP, che sono salite da 13 a 25 sparse su tutto il territorio statunitense. Il rapporto descrive alcune delle operazioni a tutela del copyright compiute nel corso del 2005, tra cui Operation Gridlock, Copyat, e Western Pirate, di cui abbiamo dato notizia su questo sito.
Il rapporto descrive poi l’attività antipirateria internazionale, incluse le pressioni fatte verso alcuni paesi noti per le molteplici violazioni della Proprietà Intellettuale compiute nel loro territorio.
Il rapporto supporta l’Intellectual Property Protection Act, un disegno di legge che aumenta le previsioni di reato in violazione della P.I.
Il testo è disponibile al seguente indirizzo:
http://www.eff.org/IP/criminal/DoJ-IP-Crime-Report-June2006.pdf

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.