Problemi per i DRM Sony

Problemi in vista per Sony il cui sistema di protezione dei contenuti secondo quanto asserito dallo sviluppatore Mark Russinovich, installerebbe sul computer dell’utente, in modo non esplicito un rootkit ovvero un ‘tool ideato per lavorare in background e comunicare con l’esterno senza interrompere l’attività del PC’.
Secondo Russinovich i componenti installati all’insaputa dell’utente nonostante possano essere individuati grazie al sistema RootkitRevealer (RKR) non sarebbero disinstallabili dallo stesso o almeno da un ipotetico utente medio.
Tali componenti secondo quanto asserito esporrebbero la macchina a intrusioni da parte di altri soggetti e un alcuni casi potrebbero provocare il blocco della stessa.
Sony ha quindi realizzato una patch per rendere possibile l’individuazione dei predetti file.
Nonostante ciò ALCEI (Associazione per la Libertà nella Comunicazione Elettronica Interattiva) ha formalmente presentato un esposto al Nucleo Antifrode Telematica della Guardia di Finanza.
Secondo l’Associazione da parte di Sony vi è stata una violazione dell’articolo 392 del codice penale.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.