Più tutela per i consumatori che scaricano giochi, e-book e musica.

Nel giugno 2012 uno screening europeo ha analizzato oltre 300 siti web che vendono giochi, libri, video e musica ed ha messo in luce le violazioni della normativa a tutela dei consumatori e ne ha garantito l’applicazione. L’operazione chiamata Digital content sweep (Indagine su larga scala dei contenuti digitali) è stata condotta in 26 Stati membri dell’UE, Norvegia e Islanda.
Sono stati passati al setaccio 330 siti web e di questi 172 non sono risultati idonei. Ad oggi l’80% rispetta la normativa UE. Grazie al lavoro delle autorità nazionali coordinate dalla Commissione europea, 116 siti sono stati messi in regola dalle società interessate.
Il controllo ha verificato in particolare l’accessibilità e la leggibilità delle informazioni sulle caratteristiche principali dei prodotti, la presenza di indirizzi di posta elettronica per domande o reclami e l’equità delle condizioni proposte dai siti web.
Il prossimo obiettivo è quello di adeguare i 49 restanti siti che hanno procedimenti amministrativi o giudiziari nazionali in corso. In particolare si vuole rendere più trasparente e chiara l’informazione legata all’acquisto dei giochi online, in modo da evitare bollette impreviste a causa di acquisti fatti da minori durante il gioco.
La situazione in Italia? Il 70% dei siti controllati sono idonei.
Fonte: Redazione Antenna Europe Direct

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.