MPA e IFPI incrementano la lotta alla pirateria in Sud America

Motion Picture Association (MPA) e IFPI hanno annunciato la firma di un memorandum che coinvolge entrambe le organizzazioni nella espansione e nel rafforzamento della lotta contro la pirateria, oltre alla promozione di interventi legislativi, nell’America Latina.
“Incrementare il nostro intervento nell’area della protezione del copyright è cruciale per il futuro della produzione cinematografica in tutto il mondo” ha dichiarato il CEO di MPA Dan Glickman. “Dobbiamo continuare a lavorare insieme per proteggiere e promuovere la creatività che esiste dietro i film che la gente ama”.
Il CEO IFPI John Kennedy ha aggiunto che “la pirateria di musica e film e un male che le due associazioni devono affrontare insieme. Abbiamo in comune la capacità di promuovere e proteggere la creatività dei nostri associati, e abbiamo anche avversari comuni, dalle organizzazioni che trafficano in CD ai siti che costruiscono il proprio modello di business sulle violazioni del copyright”.
Sul fronte legislativo, le due associazioni si impegneranno a incoraggiare misure che proteggano l’industria discografica e cinematografica, come il progetto di legge messicano che bandisce dai cinema le telecamere digitali, con pene per chi viola la normativa.
Misure simili sono prese in considerazione anche in Brasile, Cile, Argentina, e altri paesi dell’area.
Inoltre entrambe le associazione incoraggeranno i paesi all’adesione del Free Trade Agreements con gli Stati Uniti.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.