Lo Stato del Texas fa causa a Sony BMG per avere realizzato uno spyware

Non si arrestano i guai giudiziari per Sony BMG originati dal sistema di protezione dei contenuti dei CD musicali dell’azienda che non pochi problemi sta causando agli acquirenti che hanno utilizzato i supporti sui propri computer, a causa dello spyware che il sistema installa automaticamente sulle macchine degli utenti.
Il Texas è il primo Stato a fare causa al colosso discografico proprio in relazione al fatto che il meccanismo di protezione lascerebbe i PC esposti a virus e a intrusioni.
Greg Abbott Texas Attorney General ha affermato che il sistema introdotto da Sony viola precise disposizioni in materia di Spyware recentemente introdotte nella legislazione dello Stato.
Sembra inoltre che le richieste di Abbot potrebbero essere pari a 100.000 dollari per ogni violazione accertata.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.