Le major del cinema allertate dalla nuova ricerca Forrester

Forrester Research ha reso noti i risultati di una nuova analisi relativa al rapporto tra Rete, sistemi P2P e prodotto cinematografici.
Ciò che emerge in sostanza dalla analisi è la necessità per le major del settore di offrire i propri prodotti attraverso la Rete prima che il massiccio accesso dei consumatori alla banda larga ricrei le pericolose condizioni allo stato presenti in relazione al mercato musicale.
Forrester riconosce che il dowloading illegale di prodotti cinematografici è ancora un fenomeno marginale, una attività ancora allo stato larvale, ma il rischio può essere prevenuto solo agendo con tempestività .
Se è infatti vero che solo il 5% dei navigatori della Rete hanno scaricato film in modo illecito è altrettanto vero che dei suddetti utenti un terzo ha scaricato tre o più film negli ultimi tre mesi.
La situazione secondo Forrester si presenta quindi simile a quanto accadeva alcuni anni fa in campo musicale e lo sviluppo di codifiche delle immagini in formati quali XviD e DivX associati al proliferare di nuovi sistemi P2P, non ultimo BitTorrent, non potrà che incrementare il download video.
Il suggerimento è un attento controllo dei sistemi P2P e la predisposizione in tempi brevi di un sistema alternativo, legale, di scaricamento dei contenuti in Rete.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.