La Commissione Ue conferma il ricorso alla Corte di Giustizia per la valutazion dell’accordo Acta

La Commissione Ue, nonostante il voto contrario espresso dalla commissione Commercio dell’Europarlamento, si rivolgera’ lo stesso alla Corte europea di giustizia su Acta per verificare se l’accordo anticontraffazione violi i diritti fondamentali e le norme Ue.
“Continuiamo a preparare il dossier e appena sara’ pronto andra’ alla Corte”, ha affermato il portavoce del commissario Ue al Commercio Karel De Gucht. Se l’Europarlamento pero’ bocciasse Acta a giugno, quando si dovra’ esprimere in plenaria, “un voto negativo significherebbe che Acta e’ finito come dossier e che non entrera’ in vigore” cosi’ come e’, ha ammesso John Clancy, pur precisando che non bisogna fare “speculazioni” e che “spetta al Parlamento decidere” in base alle sue procedure istituzionali.
Fonte: Adnkronos

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.