La Cina tenta di rafforzare la tutela della proprietà intellettuale

Qualce giorno fa la polizia cinese ha individuato 172 casi di violazione delle normative sul diritto d’autore, al termine di una indagine che ha richiesto quattro mesi, che ha condotto alla chiusura di 76 siti web, alla commissione di multe per un totale equivalente a 75mila euro a carico dei webmaster di 29 siti web, e alla identificazione e denuncia di 18 persone.
Le violazioni riguardano la copia illegale di musica, film, software, videogiochi e persino libri. Tutti materiali che venivano venduti o condivisi via Internet.
“Le attività che contravvengono alle leggi di copyright sono cresciute a dismisura”, ha detto Yan Xiahong, vicedirettore dell’Amministrazione Nazionale per il Copyright, in una conferenza stampa. “Queste attività hanno danneggiato gravemente il mercato della musica, del cinema e dei software”.
Tra i denunciati, anche gli amministratori di una società di Hong Kong dedita alla vendita online di film hollywoodiani: per loro è scattata una pesante multa, oltre alla diffida dal proseguire nell’attività illecita.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.