La bandiera dell’open source è a rischio’

Sco Group (ex Caldera International) a mezzo di un comunicato stampa diffuso nei giorni scorsi ha ribadito che detiene la proprietà intellettuale relativa ad alcune componenti tecnologiche alla base del sistema Unix e che questo è stato e continua a essere il nucleo di partenza dello sviluppo del sistema operativo Linux, il più famoso programma open source della Rete.
Sempre nel comunicato SCO sostiene che Unix sia stato utilizzato illegalmente per la realizzazione del sistema operativo Linux e per tale motivo mette in guardia tutti coloro i quali distribuiscono il programma, prospettando la possibilità di azioni legali nei confronti degli stessi.
La stessa SCO che distribuisce una delle versioni di Linux ha deciso di sospendere tutte le future vendite del sistema in attesa dell’evolversi della situazione.

La redazione (RB)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.