Jasrac vs. YouTube

YouTube, il popolare portale di videosharing di contenuti generati dagli utenti, è stata diffidata dalla JASRAC (Japan Society for Rights of Authors, Composers and Publishers) ad assumere un comportamento proattivo teso verificare che i video “caricati” sul portale da parte degli utenti non violino i diritti di autore e connessi di altri.
La JASRAC ha così richiesto formalmente a YouTube di rimuovere circa 30.000 filmati che violerebbero diritti esclusivi, di intraprendere azioni concrete contro lo scambio illegale di video come l’impostazione di filtri, di imporre agli utenti di registrare i loro dettagli e di predisporre sistemi in grado di rifiutare il servizio agli utenti che violano le leggi di diritto d’autore e dei diritti connessi.
In attesa di conoscere in che modo YouTube replicherà a JASRAC, l’episodio è una conferma dei rischi di contenzioso cui è esposto il sito e, in generale dei rischi cui si espongono i fornitori di servizi di videosharing di materiali oggetto di diritti esclusivi.
Si stima, infatti che sul portale vengono “caricati” circa 65.000 video al giorno e ciò rende gravoso e difficile per il portale rispondere nel modo preteso a qualunque richiesta di qualunque titolare di diritti esclusivi. Una delle strade che il YouTube percorre è quella di negoziare con i titolari di diritti esclusivi, in modo da assicurare quest’ultimi una remunerazione economica per l’eventuale utilizzo di materiali protetti da copyright da parte degli utenti. E’ una strada che, tuttavia, per essere percorribile richiede il consenso dell’avente diritto.

Valentin Vitkov

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.