Il Governo britannico sta pensando a una modifica della legge sul copyright

James Purnell il Ministro che si occupa del settore dell’industria dell’intrattenimento, dovrebbe annunciare il progetto di emendamento della legge sul copyright nel corso di questa settimana.
La durata dei diritti connessi dei produttori fonografici è pari a 50 anni, quindi nel prossimo decennio è previsto che tali diritti non debbano più essere corrisposti per una serie di brani musicali che ancora creano un notevole flusso di reddito per i produttori, si pensi a brani come Love Me Do e Please, Please Me dei Beatles (1963) o (I Can’t Get No) Satisfaction degli Stones.
Secondo quanto dichiarato da Purnell, una estensione del periodo di protezione garantirebbe alle case discografiche un gettito economico da impiegare nella ricerca e promozione di nuovi artisti, attività che, afferma, rappresenta un costo notevole per le aziende del settore.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.