Golpe giuridico dell’ European Patent Office

Con queste parole la principale organizzazione che si batte per il free software e lo sviluppo libero nel Vecchio Continente, la EuroLinux Alliance, ha stigmatizzato l’iniziativa dell’ European Patent Office che, senza attendere la decisione finale da parte dei Governi europei, ha varato un regolamento che autorizza la richiesta di brevetti relativi ai programmi dei computer.
EuroLinux Alliance, a fronte di tale iniziative, ha richiesto la sostituzione del Board dell’ European Patent Office allo scopo di stabilire “un controllo democratico del sistema dei brevetti europei”.
Le nuove linee guida varate da EPO estendono la possibilità di brevetto al software e per la prima volta ai “programmi per computer” e ai “prodotti relativi ai programmi per computer”, estendendo di fatto la brevettabilità a tutta l’area informatica.
Secondo quanto afferma EuroLinux Alliance, l’azione costituisce una violazione dell’articolo 22 della Convenzione Europea sui brevetti che stabilisce che solo l’Enlarged Board of Appeal può prendere rilevanti decisioni di carattere normativo.
Per cercare di opporsi a tale soluzione EuroLinux si è rivolta ai Governi per una ridefinizione dell’iniziativa, mobilitando gli utenti del settore informatico e il pubblico, grazie a una petizione a oggi firmata da 90.000 persone e sostenuta da 300 aziende.

La redazione – Fonte: EuroLinux Alliance

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.