GEMA e IFPI accordo raggiunto

Come alcuni potranno ricordare all’inizio del 2004 GEMA e IFPI l’associazione internazionale dei produttori fonografici, avevano dato vita a un’aspra battaglia in merito alla determinazione di un’equa remunerazione per gli autori relativa alla commercializzazione dei supporti fonografici.
IFPI infatti premeva affinché tale remunerazione fosse stabilita nell’ordine del 6.6% del Published Price to Dealers (PPD)mentre la richiesta di GEMA era attestata al 9.009%.
La decisione era stata affidata all’ Arbitration Board dell’Ufficio Marchi e Brevetti tedesco il quale ha deciso di aderire alla richiesta di GEMA.
La decisione secondo quanto dichiarato dall’ufficio tedesco di rappresentanza di IFPI non sarà appellata divenendo quindi definitiva.
Reinhold Kreile CEO di GEMA ha naturalmente commentato con estrema soddisfazione la notizia dichiarando che la società di gestione collettiva tedesca si impegnerà per minimizzare i tempi di distribuzione delle remunerazioni spettanti agli autori.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.