Francia e Lussemburgo deferite alla Corte di giustizia Ue per l’IVA ridotta sugli e-book

La Commissione europea ha deferito alla Corte di giustizia Ue la Francia e il Lussemburgo per aver applicato agli e-book un’IVA ridotta.
Secondo un comunicato pubblicato sul sito della Commissione, la legislazione dell’Unione europea non prevede che ai “servizi forniti in via elettronica” possa essere applicata una imposta agevolata e il mancato rispetto di questa regola provocherebbe distorsione del mercato e della concorrenza a danno degli altri Paesi dove invece viene applicata l’IVA ordinaria.
“Il trattamento fiscale dei libri tradizionali e di quelli digitali è una questione che deve essere affrontata senza indugio”, ha spiegato il commissario Ue alla Fiscalità , Algirdas Å emeta. “E questo è esattamente ciò che la Commissione sta facendo all’interno di un processo più generale di revisione del sistema di aliquote Iva ridotte”.
Il comunicato:
http://europa.eu/rapid/press-release_IP-13-137_en.htm?locale=en

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.