Fondi Europei per il multimediale e la sicurezza online

Nell’ambito del programma eContent per il biennio 1999-2002, la Commissione europea ha stanziato 26,5 milioni di euro per finanziare progetti per “azioni finalizzate a migliorare l’accesso alle informazioni del settore pubblico e a svilupparne l’utilizzazione, a incrementare la produzione dei contenuti in un contesto multilinguistico e multiculturale, e ad aumentare il dinamismo dei mercati dei contenuti digitali”.
Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee del 1° novembre 2001, due inviti della Commissione Europea a presentare, rispettivamente, proposte per incentivare lo sviluppo e l’utilizzo dei contenuti digitali europei nelle reti globali e proposte per azioni di sensibilizzazione per garantire l’uso sicuro di Internet.
Tutte le proposte – che dovranno pervenire alla Commissione entro il 1° febbraio 2002 – saranno valutate in relazione a una serie di criteri indicati nell’invito, tra i quali la qualità e la portata innovativa del progetto, nonché l’attitudine a rappresentare un contributo per lo sviluppo delle politiche comunitarie e la realizzazione degli obiettivi economici e sociali, nell’ambito di un rapporto di collaborazione tra gli Stati membri.
Il piano d’azione è un programma comunitario pluriennale, finalizzato a contrastare la diffusione di contenuti illegali o nocivi online, attraverso il finanziamento di progetti riguardanti la creazione di hotline, per consentire agli utenti la segnalazione di contenuti illegali, lo sviluppo di sistemi di filtraggio e di controllo dell’accesso ai siti.
Le proposte – da presentare entro il 31 gennaio 2002 – per il finanziamento delle quali la Commissione ha stanziato 4,25 milioni di euro, dovranno essere valutate in base alla loro conformità agli obiettivi, al merito tecnico e alla validità dell’impostazione, allo standard di organizzazione e gestione e agli aspetti finanziari.
L’invito – rivolto alle persone giuridiche pubbliche e private aventi sede nei paesi Ue – a presentare proposte, di portata transnazionale, relative a progetti diretti a promuovere la sicurezza online, si colloca, invece, nell’ambito del piano d’azione, per il periodo 1999-2002, per promuovere l’uso sicuro di Internet.
La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.