Felten cita RIAA e SDMI in giudizio

Electronic Frontier Foundation (EFF) ha chiesto l’intervento della corte federale affinché dichiari che il professor Edward Felten e il suo team di ricerca hanno il diritto, secondo il Primo Emendamento, di presentare le proprie ricerche sulle tecnologie di controllo e protezione dei brani musicali digitali alla USENIX Security Conference il prossimo agosto a Washington, senza alcun impedimento da parte dell’industria musicale.
Infatti quando lo scorso aprile I ricercatori hanno tentato di pubblicare le proprie ricerche, l’industria musicale ha obiettato che secondo il 1998 Digital Millennium Copyright Act è illegale discutere o fornire tecnologie che possono essere utilizzate per eliminare le protezioni a controllo dell’utilizzo di musica (digitalizzata) che gli utenti hanno acquistato.
In quella occasione all’ultimo momento, per l’intervento di RIAA e SDMI, che avevano minacciato azioni legali, i ricercatori erano stati costretti a sospendere la pubblicazione delle loro scoperte.
Come tutti gli studiosi, i ricercatori vogliono discutere le proprie scoperte e pubblicare un trattato sulla vulnerabilità delle tecnologie che hanno studiato.
Ricordiamo che la vicenda ha avuto inizio con il ‘SDMI Public Challenge” nel settembre 2000, un concorso ove SDMI proponeva un premio per chi avesse violato i sistemi di protezione della musica digitale da essa sviluppati.
L’atto di citazione è disponibile per il download in formato PDF nella nostra sezione Documenti:
EFF-RIAA.pdf

La redazione ‘ Fonte: Mi2N

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.