Eurostat: pubblicate le statistiche relative al settore della cultura

Eurostat, l’Ufficio Europeo delle Statistiche, ha pubblicato recentemente una serie di statistiche relative al settore della cultura, evidenziando in particolare i dati sull’impiego, le imprese, il commercio estero ma anche sulle spese culturali e la partecipazione alla vita culturale nel 2005 nell’Unione europea a 27 Stati Membri.
Alcuni dei rilevamenti statistici fanno riferimento al periodo 2004 – 2006.
Alcuni dati interessanti sono i seguenti.
Nel 2005 il settore culturale ha dato impiego a 4,9 milioni di persone, cioè il 2,4 % dell’impiego totale: la percentuale varia dall’1,1% in Romania, 1,4% in Portogallo, 1,7% in Polonia sino al 3,8% nei Paesi Bassi, 3,5% in Svezia e 3,3 % in Finlandia.
In generale le persone operanti nel settore delal cultura evidenziano un livello di educazione più elevato rispetto alla media degli altri settori. Quasi la metà hanno un diploma di scuola superiore, univeristaria o equivalente contro la proporzione di un quarto che invece caratterizza gli altri settori. La proporzione più importante di diplomi universitari é stata rilevata in Estonia (64%), e in Belgio (63%) mentre la più bassa é stata rilevata a Malta (26%) e in Portogallo (28%).
Gli impieghi nel settore culturale sono, nella maggior parte dei casi, precari, non trattandosi solitamente di lavoratori con contratto di lavoro subordinato bensì di lavoratori autonomi o di imprenditori.
Nel settore culturale ciò avviene nel 29% dei casi mentre negli altri settori, stando ai dati diffusi da Eurostat, l’impiego precario rappresenta nella media il 14% dei rapporti di lavoro.
In tutti gli Stati Membri, ad eccezione della Lituania, di Malta e della Slovenia, la quota di lavoratori non dipendenti, era maggiore che negli altri settori: la percentuale più elevata é stata rilevata in Italia (53%), Grecia (35 %) e nei Paesi Bassi (anche qui 35%) mentre la più bassa in Lituania (4%), Estonia (7%) e Slovenia (anche qui 7%).
Per maggiori informazioni:
http://ec.europa.eu/public_opinion/archives/eb_special_en.htm

Massimo Baldinato

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.