Etichette Emi fanno causa all’ex fondatore di MP3.com

NEW YORK, 10 novembre (Reuters) – Le società del gruppo Emi hanno citato in giudizio per violazione dei diritti d’autore il dirigente dell’industria musicale online Michael Robertson, circa sette anni dopo che la sua ex società aveva pagato più di 100 milioni di dollari per transare un caso simile.
Diverse etichette di proprietà della Emi e degli editori hanno citato Robertson e la MP3tunes, che gestisce i siti www.sideload.com e www.mp3tunes.com, per aver infranto volontariamente le norme sul diritto d’autore su Internet, secondo quel che risulta dalla denuncia presentata presso la Corte Distrettuale Usa di Manhattan.
Robertson ha dichiarato in una intervista telefonica da San Diego di non aver visto la denuncia, che la citazione in giudizio gli sembra una “ritorsione”. MP3tunes aveva citato in giudizio Emi a San Diego in settembre per un avviso di smantellamento che la casa discografica aveva mandato a Sideload.com, un motore di ricerca per file musicali digitali.
Robertson, 40 anni, è l’amministratore delegato di MP3tunes ed è il fondatore di MP3.com, che era stata citata in giudizio nel 2000 da diverse grandi case discografiche, fra le quali alcune delle denuncianti di quest’ultimo caso, secondo quel che risulta dalla denuncia.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.