Elvis all’asta, ma solo per uso personale!

Rappresentano una vera manna per i fan più sfegatati, i nastri reel-to-reel battuti all’asta domenica dalla casa d’aste Bonhams & Butterfields.
Si tratta di sei nastri, contenenti 57 alternate takes di brani epocali del re del rock and roll quali “All Shook Up” e “Jailhouse Rock”, completi di errori e parlato tra una prova e l’altra, per un totale di più di due ore di registrazioni risalenti al 1956, realizzati presso gli studi Radio Recorders della RCA sotto la supervisione dell’ingegnere del suono Thorne Nogar.
I nastri sono rimasti da allora nelle mani dello stesso ingegnere del suono, fino a che il figlio di questi, Stephen, ha deciso che fosse giunto il momento di rivelarne l’esistenza al mondo dei musicofili ‘ e di farci anche qualche soldo nel frattempo.
Valutati tra i $30.000 ed i $50.000 dagli esperti (ancora non si sa chi se li sia aggiudicati e per quanto), occorre però rilevare che questi soldi comprano solo la possibilità di usufruire di queste rarità per uso personale, giacché Nogar non detiene certo i diritti sulle esecuzioni impresse sui nastri. Gli originali delle session in questione rimangono comunque di proprietà della RCA, oggi Sony/BMG; Thorne Nogar infatti era solito registrare le session su due differenti macchine, così da avere una copia di back-up per ogni evenienza. Ed è proprio questa copia che è andata all’asta.

La redazione (Alessandro di Francia)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.