EFF si schiera con Verizon

Electronic Frontier Foundation e undici altri gruppi di consumatori aventi per obiettivo la tutela della privacy, si sono schierati con Verizon nella battaglia da questi ingaggiata allo scopo di proteggere la privacy dei propri clienti.
I gruppi si sono rivolti alla autorità giudiziaria allo scopo di impedire alla RIAA di obbligare il provider Verizon a rendere note le identità dei clienti, accusati dalla stessa di offrire musica in violazione del diritto d’autore tramite i sistemi P2P.
EFF ha dichiarato che è necessario che la Corte prenda in considerazione anche le ragioni sostenute dagli utenti e da Verizon, prima di prendere una decisione che potrebbe mettere in serio pericolo la privacy degli utenti.
A tale scopo è stato redatto un cosiddetto amicus brief, un parere di parte, da EFF e dai suddetti gruppi allo scopo di sostenere la necessità della protezione dell’anonimato anche in Rete.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.