Discografia: per la prima volta dal 1999 il fatturato cresce

Per la prima volta dal 1999 il fatturato complessivo dell’industria discografica è cresciuto, grazie ai nuovi consumi digitali.
Cosi ha dichiarato il CEO di IFPI Frances Moore, in occasione della pubblicazione del nuovo Digital Music Report.
L’industria musicale ha visto crescere nel 2012 il proprio fatturato dello 0,3 per cento, per un totale di 16,5 miliardi di dollari (circa 12 miliardi di euro).
Interessante il dato dei mercati digitali nel mondo: nel gennaio 2011 erano 23, ora sono in più di 100 paesi, comprese le aree Brics (Brasile, Russia, India, Cina) in cui le nuove tecnologie connesse stanno prendendo piede con veemenza, e dove la pirateria imperversa.
Il fatturato digitale è cresciuto, nel 2012, del 9 per cento per un totale di 5,6 miliardi di dollari (4 miliardi di euro circa) rappresentando oltre il 30 per cento degli introiti.
Il 70 per cento di tale fatturato proveniente dalle piattaforme di download come iTunes.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.
Precedente Gianfranco Negri Clementi, Il diritto dell’arte. L’arte, il diritto e il mercato. Vol. 1
Prossimo SIAE: aggiornato il Regolamento Generale
Exit mobile version