Digital Watermarking Alliance ribadisce la richiesta dell’industria di sistemi antipirateria

In un comunicato stampa diffuso nei giorni scorsi, Digital Watermarking Alliance, un gruppo internazionale formato da aziende leader del settore e fondato lo scorso settembre con lo scopo di dare coscienza del valore del “digital watermarking” ai titolari e all’industria dei contenuti, e ai consumatori, ribadisce il grand interesse per le soluzioni di protezione da essa proposte che sono un deterrente alla pirateria audiovisiva, e permettono di monitorare e verificare le trasmissioni broadcast, identificare e gestire gli asset della proprietà intellettuale.
Infatti “l’impronta digitale” inserita nei contenuti permette di identificare gli stessi, di offrirne la panoramica sui diritti durante e dopo la distribuzione, determinare i titolari e facilitare le policy di rights management, di conseguenza è possibile pensare e proporre nuovi modelli di distribuzione e d’uso dei contenuti.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.