Contenuti educativi accessibili anche agli ipovedenti con il progetto europeo PRO-ACCESS

E guidato dall’Italia ” attraverso l’Associazione Italiana Editori (AIE) – il progetto europeo PRO-ACCESS, che ha come obiettivo quello di migliorare l’accessibilità dei contenuti educativi fruibili in particolare attraverso elearning, ma non solo, considerato che i risultati del progetto saranno largamente applicabili a una più ampia gamma di contenuti editoriali (dai libri intesi in senso tradizionale ai libri di testo e learning objects). Il progetto (in allegato la scheda), finanziato dalla Commissione Europa nell’ambito del programma eLearning, si propone di fornire ad editori e intermediari (biblioteche, scuole, associazioni che rappresentano le persone con disabilità ) strumenti concreti per la produzione e la fruizione di contenuti accessibili, secondo modalità che siano efficaci sia dal punto di vista dei processi produttivi sia da quelli del rispetto dei diritti d’autore. Il consorzio di PRO-ACCESS vede come capofila l’Associazione Italiana Editori (AIE) e come partners la Federation of European Publishers (FEP) e DEDICON, l’organizzazione responsabile della fornitura di materiali accessibili ai disabili visivi che opera nel mercato olandese.
Primo momento di confronto operativo sul progetto, partito il 1 gennaio e che si concluderà in 18 mesi, sarà un workshop operativo ” previsto il 24 maggio ad Amsterdam (in allegato il programma) – dedicato al tema dell’accessibilità dei contenuti digitali per utenti ipo-vedenti, con particolare attenzione ai materiali educativi. Durante il workshop relatori esperti del settore analizzeranno alcuni tra i temi di principale importanza per l’accessibilità dei contenuti, in particolare per quanto riguarda i processi produttivi nella creazione di materiali accessibili, i diversi formati accessibili, le esperienze attuali e best practices, gli aspetti legali e contrattuali nell’accessibilità . Il workshop è rivolto ad operatori del settore editoriale, produttori di contenuti educativi, associazioni coinvolti a vario titolo nella produzione di materiali ed informazioni accessibili.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.