Canadian Music Creators Coalition in guerra per una nuova legge sul copyright

Canadian Music Creators Coalition (CMCC), di cui fanno parte grandi stars del panorama musicale canadese, scenderà in campo nell’annosa e “bollente” guerra circa la normativa canadese sul copyright.
La Coalizione si è riunita ad Ottawa con i Ministri Maxum Bernier e Bev Oda. L’intervento di CMCC giunge proprio nel bel mezzo della discussione in sede governativa circa la legislazione sul copyright, che potrebbe avere un impatto molto ampio sui fans, sugli insegnanti e sull’industria del software. Norme restrittive potrebbero soffocare lo sviluppo di nuovi modelli di distribuzione digitale, implicare la citazione in giudizio anche di giovani che condividono files musicali ed ostacolare l’uso a scopo educativo di Internet.
Nel corso di una conferenza stampa il rappresentante di CMCC Charlie Angus ha affermato che il messaggio delle bands è forte e chiaro: il download non ucciderà la musica canadese. Al contrario, esso ha creato interessanti opportunità per lo scenario musicale.
“Questo non è un dibattito tra gruppi musicali che vogliono “donare” la loro musica” e bands che al contrario desiderano essere retribuite.”. Il problema, secondo Angus, è la reticenza del Parlamento a rendersi conto di due circostanze: che gli artisti si siano adattati ai nuovi mercati digitali; e che l’industria stia cercando di utilizzare la normativa sul copyright per imporre un nuovo modello di mercato per il ventesimo secolo ad una nuova generazione di fans. “Le bands canadesi hanno prosperato e si sono adattate. E’ tempo che il Parlamento prenda atto di questo.”, ha affermato Angus.
Angus ha concluso che le riforme in materia di copyright sono state mosse, per la maggior parte, da interessi corporativistici. “Sarà importante la presenza di CMCC quando verrà discussa la nuova legislazione.” CCMC vuole svegliare i politici.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.