Avvocato Generale UE: il Trattato non osta alla punibilità per violazione delle norme sul diritto d’autore

Il 29 marzo scorso l’Avvocato Generale si è pronunciato nella causa C-5/11 dichiarando: “gli articoli 34 e 36 TFUE che regolano la libera circolazione delle merci non ostano alla punibilità , derivante dall’applicazione della normativa penale nazionale, per concorso in illecito sfruttamento commerciale di riproduzioni di opere tutelate dal diritto d’autore, ove copie delle opere tutelate dal diritto d’autore vengano distribuite mediante vendita in uno Stato membro mettendole a disposizione del pubblico in detto Stato membro tramite una modalità di vendita a distanza transfrontaliera che ha origine in un altro Stato membro dell’Unione nel quale la tutela del diritto d’autore per l’opera non esisteva o non poteva essere fatta valere”.
Alla Corte è stato chiesto di considerare se l’articolo 36 TFUE (2), e più in particolare le sue disposizioni relative alla proprietà industriale e commerciale, possa essere fatto valere dalle autorità tedesche nel corso di un procedimento penale promosso nei confronti di un cittadino tedesco, amministratore e socio di maggioranza ddi una società italiana. L’accusa si riferisce al ruolo svolto dal cittadino tedesco nella distribuzione degli oggetti in Germania, in presunta violazione della normativa nazionale in materia di diritto d’autore. La questione relativa all’articolo 36 TFUE è scaturita dal fatto che senza dubbio il procedimento penale si traduce in una misura equivalente ad una restrizione quantitativa sulle importazioni tra Stati membri ai sensi dell’articolo 34 TFUE. Si tratta pertanto di stabilire se ciò possa essere giustificato in forza dell’articolo 36 TFUE.
Il punto essenziale della questione è quello di determinare la portata della «tutela della proprietà industriale e commerciale» di cui all’articolo 36 TFUE e se, in una transazione transfrontaliera, esistano elementi di connessione con la Repubblica federale di Germania sufficienti a determinarne l’applicazione. Per rispondere a tale questione occorre preliminarmente stabilire se vi sia stata, nell’ambito della portata territoriale dell’applicazione della legge tedesca sul diritto d’autore, una violazione del diritto di distribuzione esclusiva spettante all’autore ai sensi dell’articolo 4, paragrafo 1, della direttiva 2001/29/CE sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e dei diritti connessi nella società dell’informazione (in prosieguo: la «direttiva sul diritto d’autore») (3) considerato che tale disposizione ha armonizzato la nozione di diritti di distribuzione.
(Avvocato Generale UE, Conclusioni 29 marzo 2012: Libera circolazione delle merci ” Proprietà industriale e commerciale ” Vendita di beni tutelati dal diritto d’autore nello Stato membro dell’acquirente ma non nello Stato membro del venditore ” Sanzione penale inflitta ad un soggetto coinvolto nella vendita e nella consegna ” Contratti di vendita a distanza ” Distribuzione di riproduzioni di opere ” Direttiva 2001/29)
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=CELEX:62011CC0005:IT:HTML

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.