Anche in Nuova Zelanda linea dura contro la pirateria

Un cittadino Neozelandese è stato condannato a una pena detentiva pari a 15 mesi di carcere per avere commercializzato DVD piratati.
Secondo le previsioni del Copyright Act un soggetto che ponga in essere attività che violino la normativa in materia rischia una sanzione pecuniaria fino a 150.000 dollari e la reclusione fino a cinque anni di carcere.
Secondo Judith, Tizard Associate Minister of Commerce, la proprietà intellettuale è alla base della crescita economica del Paese ed è quindi positivo il fatto che si stia inviando il chiaro segnale che coloro i quali intendono trarre profitto dalla violazione della PI saranno perseguiti duramente.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.