Anche Coca-Cola si lancia nel mercato della musica in Rete

Il successo di Apple sta scatenando una sorta di corsa all’oro.
Coca-Cola ha annunciato la realizzazione di una iniziativa per la vendita di brani musicali in Rete che partirà all’inizio del prossimo anno in Gran Bretagna.
Per la prima volta una azienda del settore alimentare ha deciso di impegnarsi direttamente nel campo della commercializzazione di musica, anche se la multinazionale statunitense ha sempre avuto un occhio di riguardo per il mercato musicale, realizzando spesso sponsorizzazioni di iniziative legate al mondo della musica.
Avvalendosi della collaborazione tecnica dell’ormai onnipresente OD2 e a fronte di un accordo raggiunto con BPI il sito realizzato da Coke consentirà di poter accedere a un catalogo di 250.000 brani composti da 8.500 artisti legati sia alle major sia alle maggiori etichette indipendenti.
L’azienda statunitense ha annunciato di volere realizzare un sito che garantisca la possibilità di accedere ai contenuti in modo molto semplice allo scopo di rendere l’esperienza degli utenti il più piacevole possibile.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.