Accusato di aver diffuso prima dell’uscita il film Guerre Stellari Episodio II, si dichiara innocente

L’assistente di produzione Shea O’Brien Foley si è dichiarato innocente davanti al giudice. Arrestato il mese scorso, è accusato di essersi appropriato di materiale relativo a Guerre Stellari per un valore di 450.000 dollari, e di aver realizzato una copia illecita del film due mesi prima dell’uscita, e di averla consegnata a Harry Knowles, che ne pubblicò una recensione sul suo sito “Ain’t It Cool News”.
Lucasfilm aveva già licenziato Foley in aprile, quando lo stesso aveva ammesso di essersi appropriato, come souvenirs personali, di materiale di vario genere. Le perquisizioni fatte a casa sua e di sua madre hanno fatto veniere alla luce moltissimo materiale, tra cui 19 CD di effetti, 2.000 immagini digitali, centinaia di clips inediti del film Episodio II, e circa 113 storyboard con annotazioni scritte di George Lucas.
Sia Foley che Knowles hanno negato che il primo sia colui che ha consegnato la copia piratata al secondo, sebbene Knowles non abbia ancora confessato chi sia il “pirata”. La polizia in ogni caso ha specificato che Knowles non è imlicato nell’indagine.
Foley è libero su cauzione (200.000 dollari), ma può essere condannato a oltre sette anni di carcere, se riconosciuto colpevole. Il processo si terrà il prossimo gennaio.

La redazione (GD)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.