Stati generali del cinema italiano al Festival di Roma: tre giornate dedicate alla pirateria e al diritto d’autore

(Apcom) – La lotta alla pirateria sarà uno dei temi principali tra quelli che verranno trattati in occasione degli Stati Generali del Cinema Italiano a ottobre durante il Festival Internazionale del Film di Roma. A darne notizia, come riferiscono gli organizzatori della terza edizione, è stato il nuovo presidente Gian Luigi Rondi insieme all’onorevole Luca Barbareschi e a Massimo Ghini, rappresentanti del cda della Fondazione Cinema per Roma, durante un incontro a cui hanno partecipato anche il capo di gabinetto del ministro dei Beni Culturali Salvatore Nastasi, il direttore generale per il Cinema Gaetano Blandini, il presidente dell’Anica Paolo Ferrari, il presidente dell’Agis Alberto Francesconi e una folta rappresentanza di autori e di esponenti dell’industria cinematografica.
“In Italia il danno causato dalla pirateria informatica ammonta a 13 miliardi di euro” – ha detto Barbareschi – “e i rischi via via sempre più gravi cui sta andando incontro la produzione cinematografica mi hanno indotto a mettere allo studio una legge bipartisan che renda più severe le pene attuali contro la pirateria, estendendola oltre al cinema anche a tutti gli altri settori della creazione artistica tra cui videogiochi, software e musica”.
Durante le tre giornate del Festival saranno trattati altri temi significativi per il settore del cinema come la legge di sistema e il diritto d’autore e il digitale come uno degli approdi del cinema in futuro. I risultati degli incontri verranno poi presentati allo stesso ministro dei Beni Culturali perché provveda a un loro inserimento nella Finanziaria.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.