SIAE replica ai sindacati: il tavolo delle trattative è sempre aperto

“Il tavolo negoziale per il contratto dei dipendenti era ed è sempre aperto”, così ha dichiarato il Direttore Generale di SIAE in una lunga lettera che è stata inviata ai dipendenti e alla base associativa per replicare al comunicato stampa dei sindacati dell’ente (pubblicato ieri sul nostro sito, ndr).
Blandini torna a ribadire la necessità di portare a compimento il piano per il risanamento del bilancio e smentisce che siano aumentate consulenze e spese non strategiche.
Nella lettera, articolata in 13 punti, Blandini precisa come la SIAE sia stata costretta a disdettare gli accordi sindacali dopo sei mesi “di strumentali rinvii da parte delle organizzazioni sindacali” e dopo che le stesse hanno abbandonato le trattative, iniziate il 5 maggio 2011.
Il direttore dell’ente precisa come il deficit della gestione corrente del 2010 è di 1 milione di euro (contro la previsione di – 10 milioni), mentre i 17 milioni si riferiscono a una partita straordinaria relativa al Fondo Pensioni. Inoltre precisa che negli ultimi 4/5 anni sia il Collegio dei Revisori che l’Autorità di Vigilanza hanno sottolineato come, tra gli altri, andasse ricondotto a controllo il costo del personale, dal momento che di fatto “per automatismi e aumenti inflattivi tale costo aumentava del 4,5% all’anno”.
La lettera risponde punto per punto alle affermazioni dei sindacati. Per chi fosse interessato ad approfondire l’argomento, la lettera è scaricabile qui.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.