SIAE raccoglie dati per versare i diritti di reprografia anche ai non associati

La SIAE sta contattando autori ed editori di pubblicazioni non associati allo scopo di ripartire i compensi raccolti in relazione alla fotocopiatura delle opere che la lda prevede possa essere liberamente effettuata nella misura massima del 15% del contenuto delle stesse (presso copisterie, copy-center, biblioteche pubbliche ed universitarie, ecc.).
La normativa prevede che la SIAE debba operare la raccolta dei diritti dovuti in relazione alla attività descritta che la stessa provvede poi a ripartire agli aventi diritto.
La Società sta quindi raccogliendo i documenti necessari per operare la predetta riaprtizione.
Le operazione di rilevazione ed elaborazione dei svolte in collaborazione con le principali associazioni di categoria è in fase di ultimazione e presto i diritti potranno essere liquidati.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.