SIAE e FIGC stipulano una nuova convenzione

E’ stata siglata ieri una Convenzione tra la Federazione Italiana Giuoco Calcio e la SIAE ai fini della verifica del criterio “numero spettatori” previsto dalle norme federali sui “ripescaggi”.
La firma del documento è avvenuta nella sede della SIAE all’Eur: il documento è stato sottoscritto per la SIAE dal Direttore Generale Angelo Della Valle e per la FIGC dal Segretario Generale Francesco Ghirelli.
Con la stipula della Convenzione, su richiesta della FIGC, la SIAE si impegna a fornire il numero delle presenze negli stadi per le gare di campionato della “regular season” (esclusi quindi play off e play out), al fine di determinare un coefficiente per formare le graduatorie di ripescaggio in ambito professionistico, secondo i criteri stabiliti per ogni stagione sportiva.
Naturalmente, sarà la FIGC a fornire alla SIAE l’elenco delle società per le quali è necessario, al termine di ciascuna stagione sportiva, disporre dei dati sulle presenze del pubblico negli stadi.
In materia di ripescaggi, com’è noto, le norme della FIGC prevedono che fra i criteri tesi a determinare la relativa graduatoria delle squadre aventi diritto vi è anche quello del numero medio degli spettatori presenti nello stadio nei 5 anni che precedono l’ultimo campionato disputato.
Di qui, l’esigenza di una “certificazione” dei dati attraverso un Ente pubblico come la SIAE che ha, tra i suoi compiti statutari, oltre a quello di verificare, incassare e ripartire i diritti d’autore per i propri aderenti, quello della gestione di servizi di accertamento e riscossione di imposte e contributi ed è quindi in grado – attraverso la sua capillare organizzazione sul territorio – di elaborare i dati raccolti e fornire il numero relativo alle presenze del pubblico nei vari stadi d’Italia.
L’accordo avrà durata triennale, a partire dalla stagione sportiva 2006/2007 e per coordinare il lavoro tra FIGC e SIAE viene costituita una Commissione mista, composta da sei membri, tre nominati dalla SIAE e tre dalla Federcalcio.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.