S.I.A.E.: il TAR respinge il ricorso del Codacons contro la nomina dell’Avv. Assumma. Il CdA valuterà il provvedimento di reintegro dell’ex direttore generale

Il Tar del Lazio ha respinto, definendolo irricevibile e inammissibile, il ricorso per incompatibilità presentato dal Codacons contro il presidente Giorgio Assumma. Lo rende noto la S.I.A.E., che interviene anche sul provvedimento del Tribunale del lavoro riguardo al reintegro dell’ ex direttore generale Profita: “spetterà al cda valutare il provvedimento”.
“Con sentenza n. 2119/06 depositata oggi 27 marzo – scrive la Siae in una nota – il Tar del Lazio ha respinto il ricorso del Codacons -definendolo irricevibile e inammissibile- riguardante l’incompatibilità con la carica di Presidente della SIAE dell’avvocato Giorgio Assumma, in quanto legale del mondo dello spettacolo e della letteratura”.
L’avvocato Assumma – ricorda la società degli autori e degli editori – “è stato nominato alla Presidenza della S.I.A.E. con decreto del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi il 18 ottobre scorso”, oltre due mesi dopo quindi rispetto al provvedimento del 30 luglio con cui il Consiglio di Amministrazione dell’Ente ha interrotto il rapporto con Gianni Profita. La sentenza del Tar, sottolineano quindi dalla S.I.A.E., “ha inoltre condannato il Codacons al pagamento delle spese legali”.
Quanto all’ex direttore generale Profita: “Spetterà al Consiglio di Amministrazione della S.I.A.E. – conclude la nota – valutare il provvedimento emesso dal Tribunale Civile, Sezione Lavoro, in relazione alla vertenza tra l’Ente e il professor Gianni Profita, provvedimento notificato alla Società solo in data odierna (27 marzo, ndr)”.
La sentenza è disponibile nel nostro Centro documentazione
Fonte: ANSA

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.