Home » News » Attualità » Perlego e il modello “Spotify” per i testi universitari
Perlego

Perlego e il modello “Spotify” per i testi universitari

Gauthier Van Malderen e Oliviero Muzi Falconi sono due ragazzi  ex bocconiani  che provano a rivoluzionare il mondo dell’editoria digitale con la creazione della Start Up Perlego, attraverso una biblioteca universitaria che punta a una delle categorie che risente maggiormente del costo dei libri: gli iscritti all’università.

Una vera e propria biblioteca universitaria con 200 mila manuali testi d’esame in formato eBook; ma anche saggi, pubblicazioni, report e liste di libri arricchiti da diverse funzionalità, come la possibilità di evidenziare, prendere appunti, citare fonti.  E con l’imminente arrivo dell’App mobile e l’introduzione degli audiolibri sarà ancora tutto più flessibile, in linea con le abitudini delle nuove generazioni, votate alla dematerializzazione e alla portabilità totale dei contenuti.

La crescita rapida e risultati importanti di questi primi mesi sono certamente dovuti alla facilità con cui Perlego permette di accedere a contenuti illimitati (basta una connessione) al costo di 14 euro mensili e permettendo però di risparmiare tantissimi soldi su testi universitari costosi e spesso usati solo parzialmente. A loro, come raccontano, capitava di spendere oltre 400€ l’anno per l’acquisto dei libri. Spesso spendevano 50€ per un titolo secondario, per poi leggerne solo pochi capitoli. E una volta passato l’esame, tentavano di rivendere i libri meno importanti sperando che nel frattempo non fosse cambiata edizione. Una condizione che accomuna tantissimi studenti, ieri come oggi. Quanti programmi d’esame hanno una lista di 3-4 libri, se non di più? Impossibile o quasi comprarli tutti. Spesso si ricorre alle fotocopie, sfidando il copyright.

Non si è potuto prescindere da un accordo con gli editori che hanno accolto questo modello di business che mira a retribuirli con una restituzione dei profitti ricavati dalle subscription in base all’utilizzo mensile dei libri a una lista di prezzi “digitale”;  l’accordo si è rivelato efficace al punto che Perlego collabora con 1400 case editrici inclusi otto tra i dieci principali dell’editoria universitaria, collaborando, parallelamente, con Ingram (uno dei più importanti distributori di eBook al mondo).

La redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.