Home » News » Attualità » Per aprire le porte della Cina il 5 febbraio seminario dell’AIE a Milano sui “Contratti di edizione con gli editori cinesi”

Per aprire le porte della Cina il 5 febbraio seminario dell’AIE a Milano sui “Contratti di edizione con gli editori cinesi”

Un’occasione in più per aprire le porte dell’editoria italiana in Cina: l’Associazione Italiana Editori (AIE) – anche in preparazione della missione di editori italiani organizzata da AIE e ICE e in programma dal 24 febbraio al 4 marzo – organizza per lunedì 5 febbraio a Milano il seminario di una giornata “Contratti di edizione con gli editori cinesi – Tutto quello che bisogna sapere”.
Un focus di una giornata – previsto nella sede AIE di Corso di Porta Romana 108, dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18-, per fotografare e capire il mercato editoriale cinese, molto diverso da quelli con cui l’editoria italiana solitamente dialoga e regolato da strutture, regole e normative che è indispensabile conoscere per poterne sfruttare al meglio le potenzialità di business, limitando i rischi che possono sorgere, in particolare in materia di copyright. Si tratta di una strada irrinunciabile, anche per l’editoria italiana, se si pensa che dopo l’adesione della Cina al WTO nel 2001 (e quindi dopo la sottoscrizione degli Accordi TRIPs) e la sua conseguente apertura a livello mondiale, il mercato di lingua cinese è diventato il secondo per numero di cessione di diritti, dopo quello di lingua inglese, per Paesi come Francia e Germania.
Il seminario sarà tenuto – in inglese – da Lynette Owen, uno dei massimi esperti internazionali in materia di copyright con conoscenze specifiche del mercato editoriale cinese, autrice – tra l’altro – del volume “Buying & Selling Rights in Literary Works – A practical guide for publishers in the People’s Republic of China”.
Maggiori informazioni sui costi del seminario, sui materiali e sul programma sono disponibili sul sito www.aie.it. o sono possibili inviando una mail a formazione@ediser.it.