Nuovo IMAIE: e’ giunto il momento di applicare la risoluzione De Biasi-Carlucci-Barbieri per l’emanazione del decreto di riordino del diritto connesso

Con un comunicato diffuso il 27 dicembre scorso, il Presidente del Nuovo IMAIE, Andrea Micciché, ringrazia l’On. Emilia De Biasi, l’On. Gabriella Carlucci e l’On. Emerenzio Barbieriper la sensibilità dimostrata nel corso di questi anni a tutela dellacultura italiana, con particolare attenzione alle problematiche che riguardano la categoria degli Artisti Interpreti o Esecutori.
A seguito della liberalizzazione della gestione dei diritti connessi degli Artisti, De Biasi, Carlucci e Barbieri hanno, infatti, compreso e sostenuto le posizioni del Nuovo IMAIE rispetto all’emanando decreto attuativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sottolineando i limiti e i pericoli di una liberalizzazione selvaggia priva di regole comuni e pari opportunità per poter operare nel rispetto della legge e degli interessi della categoria artistica.
Ancora più importante è stato il contributo che grazie alla loro competenza i tre parlamentari sono riusciti a dare per la risoluzione che impegna il Governo ad emanare, nel più breve tempo possibile, il decreto di riordino del diritto connesso, così come previsto dalla legge 100/2010.
“Auspico” dichiara il Presidente Micciché- che, come dichiarato dal Ministro per i Rapporti con il Parlamento, Dino Piero Giarda, nella sedutadel 12 dicembre 2012, si attui con urgenza e senza nessun altro indugio quanto previsto dalla legge e che il decreto di riordino del diritto connesso sia approvato in ossequio alle disposizioni della legge 100/2010″.
“Un ulteriore ritardo ” prosegue Micciché- sarebbe incomprensibile e ingiustificabile, anche in considerazione del fatto che gli Artisti e gli operatori del settore lo aspettano da più di due anni”.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.