Nuova azione legale contro SIAE

Una associata SIAE la Sig. Ubaldina Sartor, rappresentata dall’Avv. Renato Recca del Foro di Roma e dall’Avv. Massimo Ragazzo del Foro di Venezia, ha proposto un nuovo ricorso dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio contro Società Italiana Autore ed Editori S.I.A.E., la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Il Ministero per i beni e le attività culturali e nei confronti di altri cinque soggetti.
Il ricorso ha come obiettivo l’annullamento della nota del 3 dicembre 2004 del Presidente del Consiglio di Amministrazione S.I.A.E.; della nota prot. 9241 del 9 dicembre 2004 del Capo del Dipartimento per lo Spettacolo e lo Sport del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; del verbale del Consiglio di Amministrazione S.I.A.E. del 10 dicembre 2004; del verbale di Assemblea degli eletti in rappresentanza degli associati S.I.A.E. del 21 dicembre 2004.
Il ricorso richiede anche la condanna delle Amministrazioni precedentemente elencate al risarcimento di eventuali danni.
La ricorrente afferma, infatti, che i soggetti precedentemente elencati non hanno ottemperato alla sentenza del Consiglio di Stato 7857/2004, afferma altresì che l’intero Consiglio di amministrazione, inclusi i rappresentanti di nomina ‘politica’, non è stato validamente eletto essendo venuto meno il quorum assembleare, come indicato nella sentenza precedentemente citata.
Da quanto asserito deriva inoltre che la stessa nomina del Presidente della SIAE operata da detto Consiglio non debba essere ritenuta valida.
In merito poi alla nomina di un sostituto del Presidente la ricorrente sostiene che lo stesso non poteva essere nominato in quanto sostituto di un presidente mai validamente nominato.
La ricorrente indica anche una violazione dell’art. 6, comma secondo, dello Statuto della S.I.A.E. in quanto la composizione del Consiglio di Amministrazione non sarebbe stata espressione della composizione assembleare.
Per maggiori approfondimenti di seguito il testo completo del ricorso.
Clicca qui per scaricare il ricorso

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.