Mercato discografico in crescita del 5% nei primi 9 mesi

Secondo i recenti dati forniti da Deloitte per FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana di Confindustria), il mercato discografico nei primi 9 mesi del 2014 è cresciuto del 5%, come di consueto trainato dal segmento digitale che ormai rappresenta circa il 45% dei ricavi complessivi delle case discografiche.

Si tratta del quarto trimestre consecutivo con segnali positivi per il settore.

Il digitale, fortemente trascinato dai ricavi connessi ai servizi streaming cresce del 20%, in particolare i servizi in abbonamento quali, ad esempio TIMmusic, Spotify, Google Play, Deezer, ecc. sono saliti del 109% mentre i servizi supportati dalla pubblicità, come YouTube e Vevo sono cresciuti del 78%.

In calo del 19% invece il download, così come pure scendono, anche se di poco, le vendite del supporto fisico: con un  – 4%.

Il trend di crescita del vinile prosegue la recente traiettoria in controtendenza con il comparto del fisico e, pur rappresentando solo una piccola nicchia sull’intero mercato, registra un +66%.

Una sintetica scheda di dettaglio si trova qui:

http://www.fimi.it/up/files/pdfcomfimi/Dati_9Mesi_2014.pdf

Fonte: FIMI

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.
Precedente SIAE: pubblicato il rapporto sui dati dello Spettacolo del primo semestre 2014
Prossimo Adottata la Direttiva 2012/28/UE su taluni utilizzi consentiti di opere orfane
Exit mobile version