Il 17% degli italiani usa in modo prevalente le tecnologie per accedere ai contenuti editoriali: presentazione domani a Milano dei rapporto 2004 dell’Osservatorio AIE

E’ in atto una vera “rivoluzione culturale” imposta dalle nuove tecnologie, all’interno delle famiglie così come a scuola. Tanto che oggi, secondo l’Ispo di Renato Mannheimer, il 17% degli italiani nella scelta di quale canale utilizzare per accedere a “qualsiasi tipo di contenuti editoriali”, cita in prevalenza le tecnologie (internet, cd rom, cellulare). Non solo. Sette docenti su dieci (70,6%) utilizzano media informatici per preparare lezioni e verifiche di apprendimento per gli studenti, come emerge dall’indagine dell’Istituto Iard Franco Brambilla. Anche se l’uso di media informatici resta confinato alla fase di preparazione delle lezioni: in classe il Pc viene usato raramente.
Sono solo due degli elementi che emergono dal Rapporto 2004 dell’Osservatorio AIE sull’editoria digitale, che sarà presentato domani, 30 marzo, alle 10.30 a Milano a Palazzo Turati (via Meravigli 9/B).
Un focus a trecentosessanta gradi, a cura dell’Osservatorio costituito dall’Associazione Italiana Editori (AIE), per fotografare l’evoluzione dell’uso delle nuove tecnologie digitali e di rete per accedere ai contenuti editoriali, le conseguenze della loro diffusione sulle dinamiche di consumo culturale e l’impatto che tali cambiamenti possono avere sul settore editoriale nel complesso. Il Rapporto prende in esame, attraverso due indagini, i rapporti tra gli italiani e le tecnologie: da una parte sotto il profilo del consumo di contenuti editoriali digitali all’interno delle famiglie (con una indagine curata dall’Istituto ISPO) e dall’altro sull’utilizzo delle tecnologie nel mondo della scuola (con una indagine curata dall’Istituto IARD Franco Brambilla).
Dati e analisi che, in un secondo momento, saranno discussi in una tavola rotonda sul tema “Editoria e tecnologie: quali trend'” da tre esperti del settore dei media come Laura La Posta, responsabile di Sole@lfa ‘ Il Sole 24 Ore, Eugenio Occorsio, responsabile Multimedia di Affari&Finanza ‘ La Repubblica e Marco Pratellesi, responsabile di Corriere Online ‘ Il Corriere della Sera. Un’opportunità per individuare luci e ombre della società italiana rispetto ai nuovi consumi e alle precedenti abitudini culturali.
Il programma ‘ La giornata sarà introdotta alle 10.30 dal presidente dell’AIE, Federico Motta e da Cristina Mussinelli, consulente per l’Editoria Multimediale di AIE.
Alle 11 Renato Mannheimer, presidente di Ispo, presenterà l’indagine “Contenuti digitali: quando il servizio diventa valore” e Antonio De Lillo, presidente dell’Istituto Iard Franco Brambilla esporrà i risultati dell’indagine “Insegnanti e tecnologie: un rapporto che cambia’”.
Al centro della seconda parte della mattinata, a partire dalle 11.30, sarà la tavola rotonda sul tema “Editoria e tecnologie: quali trend”. Parteciperanno Laura La Posta, responsabile di Sole@lfa ‘ Il Sole 24 Ore, Eugenio Occorsio, responsabile Multimedia di Affari&Finanza ‘ La Repubblica e Marco Pratellesi di Corriere Online ‘ Il Corriere della Sera.
Modererà Danco Singer, amministratore delegato Motta On Line.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.