Home » News » Attualità » Google Books: gli editori italiani ed europei sono contrari a un regime speciale dei diritti d’autore a favore di una singola impresa, denunciano i rischi di monopolio e scelte tecnologiche inadeguate

Google Books: gli editori italiani ed europei sono contrari a un regime speciale dei diritti d’autore a favore di una singola impresa, denunciano i rischi di monopolio e scelte tecnologiche inadeguate

Sono tre le principali obiezioni al servizio Google Books presentate oggi dall’Associazione Italiana Editori (AIE) alla Corte di New York e contenute nel parere inviato alla Commissione europea per l’audizione del 7 settembre sul tema. Le obiezioni ” disponibili sul sito www.aie.it – si riferiscono all’accordo transattivo (Settlement) per chiudere la class action tra Google e le associazioni di autori ed editori americani per il servizio Book Search, che coinvolge anche qualsiasi opera libraria italiana disponibile sul mercato USA (la prima udienza della Corte di New York è prevista il 7 ottobre).
Il Settlement prevede che Google possa digitalizzare e vendere in diverse forme le opere fuori commercio a meno che gli autori o gli editori non dispongano diversamente registrandosi in un apposito Registro: “Ciò viola in più parti la Convenzione di Berna sul diritto d’autore ” si legge nel testo inviato alla Corte ” che stabilisce il consenso preventivo per qualsiasi utilizzo delle opere e che la tutela prescinda da qualsiasi registrazione”.
“Siamo di fronte – sostiene l’AIE – a un accordo privato che di fatto istituisce un regime speciale di gestione dei diritti a favore di una singola impresa. Il che è senza precedenti, in quanto le eccezioni del diritto d’autore sono sempre stabilite invece dalla legge e a favore del pubblico, non di un singolo. Un regime di questo genere genera rischi concreti di creazione di un monopolio nell’editoria elettronica libraria. Qualsiasi concorrente di Google, infatti, dovrà continuare a chiedere le dovute autorizzazioni. Chi potrà competere con il gigante di Mountain View, che già può sfruttare le sinergie con il suo motore di ricerca per acquisire visibilità ‘”
In un’industria culturale il monopolio ha conseguenze non solo economiche. Una clausola del Settlement, denunciata con forza nei dossier AIE, attribuisce a Google un potere totalmente discrezionale di escludere i libri non graditi. La prospettiva di un monopolio associata a un incondizionato potere censorio deve preoccupare non solo gli editori.
Infine AIE, in quanto coordinatore del progetto Arrow (www.arrow-net.eu) che in Europa sta affrontando i problemi della gestione tecnologica dei diritti per le biblioteche digitali, è stata incaricata dalla Federazione europea degli editori di svolgere un’analisi tecnica dettagliata delle modalità di gestione dei dati sui libri.
“L’approccio di Google è totalmente diverso dal nostro – ha spiegato Piero Attanasio, direttore tecnico di Arrow – Sorprendentemente, invece di utilizzare a pieno le tecnologie di rete, hanno deciso di accumulare in un’unica banca dati centrale oltre 60 milioni di record, di fonti diverse, combinati in modo non trasparente”.
I risultati’ Una indagine AIE ha rilevato tassi di errore fino all’81% nella corretta individuazione della disponibilità commerciale dei libri.

Anche la Federazione degli Editori Europei (FEP) ha preso posizione contro il progetto.
La FEP, che riunisce gli editori di 26 paesi, ha affermato che l’accordo (il Settlement) per chiudere la class action tra Google e le associazioni di autori ed editori americani per il servizio Book Search, che coinvolge anche qualsiasi opera libraria europea disponibile sul mercato USA (la prima udienza della Corte di New York è prevista il 7 ottobre), “non costituisce una soluzione per l’Europa (…), non può essere applicato al territorio dell’Unione Europa (…) e il suo ambito di applicazione non può essere esteso al di fuori degli Stati Uniti”.
La Federazione degli Editori Europei ribadisce come alternativa a Google Books il progetto Arrow (Accessible Registries of Rights Information and Orphan Works ” www.arrow-net.eu), coordinato dall’Associazione Italiana Editori (AIE), attraverso il quale davvero può perseguirsi un “beneficio per tutti: autori, editori, biblioteche”.
La posizione sarà ribadita oggi nell’ambito della Consultation presso la Commissione Europea, a cui parteciperà anche l’AIE (il testo è già disponibile sul sito www.aie.it). Tre, si ricorda, sono le obiezioni mosse dagli editori italiani: violazione della Convenzione di Berna sul diritto d’autore, monopolio e importanti problemi nel database tecnico del settlement.

About Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.