Firmata convenzione RAI – FIMI

Giovedì 22 luglio 2004 il Direttore Generale della Rai, Flavio Cattaneo, ha firmato con il Presidente della FIMI Alberto Pojaghi un accordo quadriennale tra l’ente radiotelevisivo e FIMI. Alla riunione, alla quale hanno partecipato per la FIMI il Direttore Generale Enzo Mazza e per la Rai il Direttore di Raiuno Fabrizio Del Noce e il Direttore degli Affari Legali Rubens Esposito e il consulente Gianmarco Mazzi
La convezione prevede, da parte della RAI, l’assolvimento degli impegni economici pregressi relativamente alla quota a carico del Comune di Sanremo, quale integrazione al contributo per la partecipazione delle case discografiche al Cinquantatreesimo Festival della Canzone Italiana, fissato in 500.000,00 euro. Rai si impegna ad acquisire, mediante separati accordi, i diritti relativi agli Italian Music Awards, manifestazione annuale organizzata e patrocinata dalla FIMI, o da un produttore designato dalla stessa FIMI. Il corrispettivo, solo per l’acquisizione dei diritti di utilizzazione della manifestazione, è fissato in 200.000,00 euro . A carico di Rai vi sono poi le spese inerenti la produzione della manifestazione.
La RAI comunicherà a FIMI, entro il 15 dicembre di ciascun anno, quali spazi saranno dedicati all’interno dei propri palinsesti alla promozione di generi musicali nel corso della stagione successiva. La FIMI si riserva la facoltà di presentare alla Rai proposte per la realizzazione della promozione di generi musicali da inserire nel palinsesto televisivo, ivi compresi programmi di informazione musicale che la Rai potrebbe autonomamente realizzare.
La Rai verserà , per la partecipazione alle varie edizioni del Festival di Sanremo comprese nel periodo di vigenza della Convenzione, contributi differenziati a seconda della tipologia di gara: big e giovani ovvero unica; nel dettaglio, nella prima ipotesi (doppia gara big e giovani), l’Azienda si impegna a versare per la partecipazione al Festival di Sanremo di ciascun big 46.000,00 euro (importo superiore rispetto al precedente accordo pari ad euro 14.400,00 c.a.), per la partecipazione di ciascun giovane una somma pari a 16.000,00 euro (anche qui un importo superiore rispetto al precedente accordo pari ad euro 2.780,00 c.a.); in entrambi i casi il rimborso spese previsto ammontava ad euro 3.000,00.
Nella seconda ipotesi (gara unica, una novità , rispetto all’accordo pregresso) il contributo dovuto dalla Rai ammonta ad euro 30.000,00, oltre ad un rimborso spese forfettario di euro 3.000,00. I corrispettivi sopra elencati sono da intendersi come bloccati per tutti gli anni di vigenza dell’accordo e si riferiscono agli artisti in gara e non anche agli artisti ospiti, i cui compensi, invece, trovano una successiva determinazione sulla base di separati accordi.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.