FIMI: la musica online rappresenta l’8% del mercato discografico italiano

Intervenendo nel corso dell’Assise sulla Governance di Internet, organizzata ieri a Roma dal Ministro Nicolais, Enzo Mazza, Presidente della FIMI ‘ la Federazione dell’industria musicale italiana, aderente a Confindustria – ha fatto il punto sulla crescita dei contenuti musicali in rete. “La musica liquida – ha spiegato Mazza ‘ ha già raggiunto l’8% del mercato discografico italiano e vi sono ottime prospettive di crescita grazie alle offerte derivanti da tecnologie e modelli di business flessibili, sempre più vicini alle necessità dei consumatori. L’operazione Google-YouTube e la disponibilità di videoclip musicali delle maggiori case discografiche che ogni utente potrà utilizzare liberamente su queste piattaforme, confermano come la musica oggi sia il contenuto leader nel panorama della rete”.
Mazza ha chiesto al Governo italiano un forte impegno nell’incentivare e sostenere la musica italiana nelle reti digitali: “oggi i contenuti immateriali sono un asset strategico del Paese, e un elemento fondamentale nella futura economia mondiale; su questi contenuti si giocherà la competitività¡ del Paese”, ha concluso il Presidente di FIMI, ribadendo anche la necessità di una forte tutela della proprietà intellettuale.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.