EMI prova il P2P sponsorizzato

La casa disografica EMI ha annunciato nelle scorse settimane che metterà a disposizione del pubblico il proprio catalogo sulla piattaforma Qtrax, un sistema di condivisione file P2P basato su Gnutella. Il funzionamento è semplice: gli utenti possono scaricare gratuitamente una vasta gamma di contenuti perché Qtrax “li trasforma” in target pubblicitario per campagne promozionali online. Gli utenti, dopo aver visualizzato alcune inserzioni pubblicitarie, potranno scaricare musica senza pagare. I proventi ricavati dalla pubblicità serviranno a pagare i diritti d’autore e le royalties agli artisti.
Qtrax offrirà contemporaneamente altre modalità di utilizzo: ci sarà la possibilità di stipulare un abbonamento mensile “premium” se non si desidera visionare i messaggi pubblicitari.
Verrà offerta inoltre l’opzione di accedere alla rete di condivisione Gnutella, attraverso un filtro antipirateria che limiterà le attività di condivisione e download ai soli contenuti di pubblico dominio: tutti i contenuti tutelati dal diritto d’autore saranno automaticamente ignorati dal motore di ricerca interno. Gli utenti potranno poi accedere anche ad un negozio online al dettaglio simile ad iTunes, strutturato in modo verticale e centralizzato.
I file scaricati da Qtrax sono protetti da un sistema di DRM che, dopo alcune riproduzioni, chiederà all’utente all’utente di acquistare definitivamente la canzone oppure di passare all’abbonamento mensile di tipo premium.
Il lancio del servizio sperimentale è previsto per la fine del 2006.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.