Cresce la lettura in Italia e crescono le iniziative di promozione della lettura

Torna a crescere nel 2008 la lettura: sono oltre 24milioni 590mila le persone di 6 anni e più che hanno dichiarato di leggere nel tempo libero: è quanto emerge dal convegno di apertura di Più libri più liberi, la Fiera della piccola e media editoria organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE), in programma fino a ierial Palazzo dei Congressi dell’EUR a Roma.
Chi sono i lettori italiani’ In base ai dati Istat 2008 sono soprattutto donne (50% dichiara di leggere nel tempo libero rispetto al 37,7% degli uomini), giovani (oltre il 50% nella fascia 6-24anni), residenti nel Nord (più del 52%), persone con alti titoli di studio; dirigenti, imprenditori, liberi professionisti e direttivi quadri (oltre il 60% rispetto al 30,8% degli operai) e studenti (65,4%).
I giovani leggono di più dei loro genitori, ma tra i 15-17enni il 44% non legge nessun libro diverso da quelli di scuola: in Italia nel primo decennio del XXI secolo si diventa lettori perché si ha la fortuna di nascere in una famiglia che già legge, o in una regione del Nord più dotate di librerie o di biblioteche. Poi, se nel 2008 il 44% degli italiani legge “almeno un libro”, quasi il 48% di questi non arriva a leggerne più di uno ogni quattro mesi. E questa “forma di lettura” occasionale aumenta tra 2007 (era il 46,2%) e 2008.
Il picco dei lettori si riscontra tra i giovani tra gli 11 e i 14 anni (63,6%); ma già a 25 anni la quota di lettori scende sotto il 50%. Ci sono qualcosa come 42,5 punti percentuali di differenza tra gli 11-14 anni e gli anziani di 75 anni e più. Trasformare chi non legge in un lettore “almeno” occasionale e far leggere di più chi legge poco: è questa la doppia scommessa per far crescere la lettura in Italia. Per farlo si tratta anche di conoscere chi è il pubblico che frequenta le iniziative di promozione della lettura. Così, per la prima volta in Italia, si è cominciato con il “misurare” uno dei principali eventi di promozione che si svolge nel nostro Paese, “Ottobre, piovono libri”. Su un campione del pubblico delle 1.100 iniziative che hanno animato la terza edizione della manifestazione è stata condotta un’ampia ricerca, a cura dell’Ufficio studi dell’AIE, del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i Beni e le Attività culturali e dell’Università di Tor Vergata per rilevare il profilo di chi frequenta questo tipo di iniziative e la valutazione che ne dà .
Il risultato degli oltre 2mila questionari raccolti’ Ampiamente positivo (5,16 in una scala di voto da 1 a 6), anche in termini di riconoscibilità del marchio che fa da ombrello alla campagna. Non deve destare meraviglia perché il pubblico è fatto in larghissima parte già di lettori (solo il 10% afferma di non aver letto alcun libro prima di parteciparvi), anzi, di discreti lettori (8,7 libri in media all’anno). Nelle regioni del Sud questo valore scende a 5,8, a dimostrazione che se servono iniziative per allargare la base della lettura e innalzare quel 44% a valori più vicini a quelli di Francia, Germania, Spagna, UK, non meno importanti diventano le campagne per promuovere l’intensità di lettura.
“Il successo di Ottobre, piovono libri 2008″ – afferma Flavia Cristiano, direttrice del Centro per il libro e la lettura – non sta solo nella crescita esponenziale, quasi il 300% di adesioni in più dal 2006, ma soprattutto nel fatto che il network si consolida e continua ad allargarsi. C’è un grande entusiasmo anche da parte di Regioni, Province e Comuni. E siamo già pronti a coinvolgere nuovi partner, primo fra tutti il Ministero delle Politiche giovanili, per continuare a puntare soprattutto sulle nuove generazioni, affinché domani siano tutti lettori forti”.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.