Chiudono con “un’iniezione di fiducia al futuro del libro” gli Stati generali dell’editoria 2006

Chiudono con una “apertura di credito verso le istituzioni”, “un apprezzamento al Ministro Rutelli” e una “iniezione di fiducia sul futuro del libro” gli Stati generali dell’editoria 2006, le Assise del mondo del libro che terminano oggi a Roma, come emerge dalle parole del presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE), Federico Motta: “Siamo, noi editori, più fiduciosi di prima di un così ampio dialogo istituzionale’ Per certi aspetti ‘ ha sottolineato – credo di poter dare una risposta affermativa. Sì, abbiamo più fiducia. Soprattutto a partire da una conferma: l’editoria italiana è viva, è forte, capace di farsi sentire, pronta ad affrontare le sfide che ci stanno davanti. Abbiamo una sola forza da spendere: il valore dei nostri argomenti. Credo che questi due giorni abbiano dimostrato che sono argomenti forti. Dire che abbiamo fiducia, allora, non significa dire che ci facciamo delle illusioni. Siamo pronti a sederci al tavolo di coordinamento annunciato dal Ministro e vice presidente del Consiglio entro ottobre ‘ ha commentato Motta ‘ Ci sembra che si parta con il “piede giusto”. Ora dovremo riempire di contenuti questa disponibilità “.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.