Attenti ai mistery shoppers

La Microsoft di Bill Gates è sempre stata in prima linea contro la pirateria informatica e la contraffazione dei suoi prodotti.
Proprio con tale finalità sono stati creati i “mistery shoppers”, ossia gruppi di finti acquirenti che hanno il compito di smascherare quei punti vendita che tentino di smerciare un software non originale.
Come operano queste speciali squadre antipirateria’ Quando ricevono segnalazioni su rivenditori “sospetti” si recano nei relativi punti vendita e simulano l’aquisto di un prodotto Microsoft: nel caso il rivenditore tenti di vendere loro un prodotto non originale provvedono a segnalare il fatto alle autorità competenti.
L’attività dei mistery shoppers ha portato a una casistica allarmante: nella sola Milano, ad esempio, su 82 punti vendita controllati, ben 28 di essi, ha offero ai propri clienti software illegale.
In Lombardia, però, la maglia nera va a Bergamo, dove 9 punti vendita su 19 “visitati” preinstallano software copiato illegalmente su PC destinati alla vendita.

Marco Scialdone

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.