Arriva in Italia il sistema di registrazione ISAN per le opere audiovisive

E’ stata presentata nei giorni scorsi a Roma ISAN Italia, l’agenzia nata dalla collaborazione tra ANICA, APT e SIAE per promuovere e diffondere anche in Italia il sistema di registrazione ISAN per le opere audiovisive.
ISAN è un sistema di numerazione, su base a tutt’oggi facoltativa, che serve a identificare in modo univoco e duraturo le opere audiovisive.
ISAN raccoglie una serie di dati fondamentali per l’individuazione dell’opera: titolo, lingua, tipo, durata, regista, produttori, personaggi, attori ecc.
ISAN esiste già in 19 Paesi del mondo di cui 10 sono in Europa.
ISAN individua per sempre l’opera audiovisiva: dalla produzione, alla distribuzione, al consumo.
L’adozione di ISAN rende più rapida e certa la ripartizione dei compensi agli aventi diritto dell’opera cinematografica o audiovisiva in genere. Questo significa per la SIAE la possibilità di svolgere, come società di gestione collettiva, una migliore azione di tutela e promozione delle opere audiovisive. Ogni anno sono prodotte nel mondo 6 milioni di nuove opere audiovisive.
In SIAE, da oltre 15 anni, esiste inoltre un codice analogo, ISWC, che identifica le opere musicali.
La migliore testimonianza della validità del sistema ISAN è data da alcune importanti esperienze estere. Oltre Atlantico il codice ISAN è ampiamente adottato. Gli studios di Hollywood lo applicano ormai sistematicamente per identificare i loro film; nell’altro emisfero, in Australia, l’ISAN è stato adottato dal Governo a partire dal giugno del 2006, come sistema identificativo obbligatorio per i contenuti digitali diffusi su Internet. E’ un’indicazione importante anche per il legislatore italiano, in un momento come l’attuale in cui si sta tentando di regolamentare la circolazione delle opere nella Rete:
“Il sistema ISAN se si estenderà alla totalità o alla maggioranza dei prodotti audiovisivi immessi nel mercato globale, darà una svolta decisiva ed epocale a favore della legalità della circolazione delle opere e della lotta contro la pirateria”, dichiara il Presidente della SIAE Giorgio Assumma, “poter individuare con certezza e celerità , attraverso un semplice simbolo numerico ogni prodotto, eliminerà tutte le incertezze che oggi si determinano quando due opere hanno titoli simili o quando un titolo di opera straniera viene tradotto in lingua diversa, o quando un titolo provvisoriamente adottato in corso di produzione viene modificato ad opera compiuta.
La SIAE crede fortemente nel progetto ed è orgogliosa di affiancare i produttori di opere cinematografiche, televisive e di immagini in movimento, sulla strada di un comune progresso verso la chiarezza e la trasparenza.
Ritengo inoltre che l’adozione di ISAN sarà importante anche in funzione di una regolamentazione dell’utilizzo delle opere via Internet”.
Alla presentazione di ISAN Italia sono intervenuti i Presidenti di ANICA (Paolo Ferrari), APT (Fabiano Fabiani) e SIAE (Giorgio Assumma), Adriano De Micheli (Presidente di ISAN Italia), Carlo Andrea Bixio (Amministratore Delegato di ISAN Italia), il produttore Aurelio De Laurentiis e il responsabile dell’agenzia Roberto Stabile.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.